Seleziona una pagina

Regolamento parte 1

[member]

Statuto Interno

Art.1 – Codice di comportamento sportivo

  • A) Principio di lealtà
    • A1) Tutti i partecipanti devono comportarsi secondo i principi di lealtà e correttezza in ogni funzione, prestazione o rapporto comunque riferibile all’attività sportiva di ogni Evento organizzato da GTDrivers.eu.eu direttamente o indirettamente.
  • B) Divieto di alterazione dei risultati sportivi
    • B1) È fatto divieto a tutti partecipanti di compiere, con qualsiasi mezzo, atti diretti ad alterare artificiosamente lo svolgimento o il risultato di gara, ovvero di assicurare a chiunque un indebito vantaggio nelle gare stesse.
    • B2) È fatto divieto assoluto di usare auto con prestazioni alterate al di fuori di quanto concesso dalle regole stabilite per ogni singolo evento e dal simulatore utilizzato.
  • C) Divieto di dichiarazione lesive della reputazione
    • C1) Tutti i partecipanti non devono esprimere pubblicamente giudizi o rilievi lesivi della reputazione, dell’immagine o della dignità personale di altri soggetti o di organismi operanti nell’ambito della Comunità di GTDrivers.eu.eu e dei social da essa impiegati o su cui essa appare (citiamo solo a titolo di esempio non esaustivo: sito web www.GTDrivers.eu.eu, Discord, Facebook, Instagram, Telegram, WhatsApp, YouTube).

Art.2 – Codice di comportamento in pista

  • A) Senso di marcia
    • A1) I piloti sono tenuti a rispettare il senso di marcia della pista.
    • A2) È severamente vietato andare contromano o in retromarcia sul tracciato. È consentito solo nei casi in cui sia necessario per motivi di sicurezza o per evitare intralcio alla circolazione regolare degli altri piloti o per recuperare il giusto senso di marcia dopo un’uscita di pista. Ovviamente, tutto questo per il tempo strettamente necessario a compiere la manovra, nel massimo rispetto dell’incolumità altrui e evitando di recare danno a uno qualsiasi degli altri concorrenti.
    • A3) È severamente vietato montare gomme con mescola differente tra anteriore e posteriore (fatti salvi specifici casi in cui ciò venisse esplicitamente previsto dal Regolamento dell’Evento): devono essere uguali su tutte e 4 le ruote.
    • A4) È severamente vietato usare il tasto “START” o qualsiasi funzione del tipo “Ripristina auto” per evitare collisioni con parti della pista o con altri piloti e/o per il riposizionamento rapido dell’auto in pista. Nel caso questa regola fosse violata verrà comminata senza possibilità di appello la squalifica dalla gara; nel caso si stia partecipando a un campionato, come sanzione supplementare si sarà inibiti dalla partecipazione alle qualifiche della gara successiva, con partenza dal fondo dello schieramento. Violazioni reiterate porteranno a sanzioni di maggiore gravità.
  • B) Limiti di bordo pista
    • B1) Viene considerata “pista” quella lingua di asfalto delineata da due righe bianche posizionate ai bordi della medesima.
    • B2) È severamente vietato oltrepassare e/o tagliare le righe bianche di bordo pista con tutte e quattro le ruote; le due ruote di un lato dell’auto devono sempre essere all’interno delle righe medesime (regola delle 2 ruote sempre in contatto con la pista).
    • B3) I cordoli vengono considerati “pista” qualora si trovino tra l’asfalto e la riga bianca di bordo pista; nel caso fossero oltre alla riga è vietato salirvi con tutte e quattro le ruote. Eventuali eccezioni a questa regola per specifici tracciati saranno di volta in volta comunicate.
    • B4) Nei circuiti cittadini viene considerato “andare oltre la riga di bordo pista” l’urtare, volontariamente o meno, le parti rigide ai bordi della pista (citiamo solo a titolo di esempio non esaustivo: guardrail, gomme, muretti di cemento).
    • B5) Rispettare scrupolosamente e per tutta la percorrenza interessata le linee di ingresso e di uscita delle corsie box, è vietato oltrepassarle anche con una sola ruota.
    • B6) All’uscita dai box è fatto obbligo di dare la precedenza a chi è già in pista.

Art.3 – Codice di comportamento dei piloti

  • A) Obblighi particolari dei piloti
    • A1) Mantenere di norma la propria traiettoria evitando manovre brusche e scorrette nei confronti degli altri piloti e non procedere lentamente senza giustificato motivo.
    • A2) È vietato tamponare, “bussare”, fare sportellate, usare gli avversari come “sponda” per effettuare le curve e/o recare qualsiasi altro danno agli atri guidatori.
    • A3) Non effettuare, in genere, manovre che per la loro natura o per le circostanze in cui avvengano possano risultare pericolose e che possano portare, ad esempio, a testacoda o uscite dal tracciato a danno di altri concorrenti.
    • A4) Laddove un pilota, a causa di una propria manovra scorretta (ad esempio taglio di pista o urto), si avvantaggi su uno o più avversari, dovrà immediatamente cedere la o le posizioni acquisite.
    • A5) In caso di uscite di pista, è fatto esplicito divieto di rientrare in traiettoria e/o ostacolare in qualsiasi modo i concorrenti sopraggiungenti. Un pilota si considera trovarsi fuori pista quando nessuna parte della sua auto rimane in contatto col tracciato.
    • A6) In caso di grave guasto alla propria vettura, evitare di procedere in traiettoria qualora si voglia continuare per rientrare ai box.
    • A7) Entrare ai box curando di non intralciare le altre macchine in corsa.
  • B) Sorpassi
    • B1) Il sorpasso può essere una fase pericolosa se non fatta in sicurezza; evitare di effettuare sorpassi qualora non si sia certi di riuscire a portare a termine la manovra e soprattutto lasciare sempre, da ambo le parti, la pista necessaria a percorrere la curva o, la staccata in tutta sicurezza. Sono vietati tagli, chiusure, lunghi che portano necessariamente il pilota che si sta sorpassando fuori pista, o ad effettuare traiettorie che lo portano ad effettuare la manovra non in sicurezza. Bisogna essere il più puliti possibili nella manovra di affiancamento, sorpasso e uscita. Tutte le altre manovre se il pilota che le ha subite le riterrà dannose o comunque in qualche modo pericolose saranno oggetto di ricorso da parte dei piloti.
    • B2) Nessun pilota ha diritto di traiettoria ma solo il punto più favorevole della pista per impostare ed effettuare al meglio una curva basta che ci siano le condizioni di cui sopra.
    • B3) Tenere a mente e quindi attenzione che i sorpassi possono avvenire da entrambi i lati.
    • B4) In caso di piloti vicini impegnati in una bagarre, è vietato effettuare più cambi di direzione per difendersi: è consentito un solo cambio di direzione.
    • B5) Chi viene sorpassato deve mantenere la propria traiettoria garantendo lo spazio di sicurezza, come descritto nel punto b1.
    • B6) Nel caso non ci fossero le condizioni adeguate e sostanziali da parte di chi effettua un sorpasso, è fatto divieto di proseguire nella manovra.
    • B7) Dopo aver compiuto un sorpasso, è obbligatorio mantenere la propria traiettoria per un tratto sufficiente a non interferire con la marcia del veicolo superato.
    • B8) Nel caso che due piloti si trovino appaiati in ingresso curva, chi si trova all’interno della medesima non deve spingere l’altro conduttore verso l’esterno; viceversa, chi si trova all’esterno non deve spingere verso l’interno l’altro concorrente, ognuno deve mantenere la propria traiettoria.
  • C) Doppiaggi
    • C1) Il pilota che si trova a pieni giri deve trattare questa circostanza come un normale sorpasso, non deve dare per scontato che il pilota doppiato darà strada immediatamente e a tutti costi.
    • C2) Il pilota che sta per essere doppiato deve agevolare il sorpasso appena possibile, anche decelerando e senza opporre resistenza, il tutto sempre in sicurezza.
    • C3) Un pilota ha il diritto di sdoppiarsi qualora dimostri di essere più veloce di quello che lo precede e verso il quale in quel momento risulti essere un doppiato, ma sempre trattando questa manovra come un normale sorpasso, prendendo quindi tutte le dovute precauzioni del caso. Di converso, l’altro concorrente deve astenersi da manovre che ostacolino irregolarmente il doppiato, pregiudicandone la sicurezza di marcia.

Esiste un’unica regola che viaggia a una quota superiore e mette in riga tutte le altre regole, non solo nella realtà ma soprattutto in un gruppo votato al divertimento condiviso. Questa regola si può sintetizzare cosi: 

“La tua incolumità è più importante della mia classifica” 

la stima in pista si guadagna rispettando l’avversario e non volendo essere a tutti i costi i più veloci.
Questo significa che lo spirito con cui si gareggia deve essere innanzitutto votato al divertimento, al savoir-faire, all’agonismo puro e non al voler vincere ad ogni costo, senza preoccuparsi di danneggiare gli avversari.
Ne consegue che negli eventi organizzati da GTDrivers.eu non sono tollerati e scusati driver che dovessero sconfinare da tali limiti; nei confronti degli stessi verrebbero infatti presi provvedimenti di severità via via crescente.
Questa impostazione si applicherà anche a tutti quei casi che non sono riconducibili a quanto sopra descritto e, ledono in maniera significativa lo spirito e le regole di questo sito.

[/member]